Il Bed & Breakfast

La Corte D'Ivi

Bed and Breakfast a Collepardo (Fr)

B&B La Corte d'Ivi

Il complesso immobiliare fu la residenza estiva della famiglia Theodoli, (nobile di Roma) del 1819 per oltre 73 anni, la palazzina, le pertinenze il giardino pensile furono spazi destinati ai familiari alla servitù del Cardinale Augusto Theodoli (07.06.1886 – 26.06.1892), esso risiedeva nel vicino palazzo Monsignore un tempo collegato attraverso la torre antica (la piega – madonnina di Lourdes) formandone un’unica intera proprietà. All’interno del palazzo Monsignore, al piano terra esisteva una cappella privata per la preghiera del Cardinale, oggi il tutto è stato smontato e l’altare si trova nella vicina Chiesa di San Rocco (compatrono di Collepardo).

I due complessi immobiliari: la Palazzina ed il Palazzo Monsignore pur prospettivamente non simili, presentano però la matrice costruttiva, gli elementi architettonici e decorativi uguali, tant’è vero che il progetto originale della palazzina residenziale “La Corte d’Ivi” presentava la copertura piana a terrazzo praticabile proprio come il Palazzo Monsignore.

 Il Complesso Residenziale – Collepardo B&B – la Corte d’Ivi in corso di restauro già dal 2008, apre le porte al pubblico come struttura ricettiva dal maggio 2015: le camere, il giardino pensile, la SPA d’ivi relax, la torre antica, il cortile, il ballarino pensile, la sala da pranzo Theodoli, sono gli spazi privati della struttura dove gli ospiti del B&B condividono insieme alle proprietà.

L'INGRESSO

L’ingresso nella palazzina risalente al 1800 rende immediatamente l’idea di entrare nella storia e nell’arte, grazie al l’affresco dell’artista Filippo Balbi.

IL GIARDINO

Il giardino pensile è un piccolo paradiso naturalistico, un magnifico angolo di relax.

LA SALA COLAZIONI

La sala colazione è dotata di tutti i servizi, atmosfera vintage e calorosa accoglienza familiare.

"Un grande e riuscito impegno di valorizzare lo splendido territorio"
Fabrizio Q.
Roma
"...ospiti a Collepardo di Ivana e Giorgio che, come sempre, ci hanno accolto con fraterno calore e profonda ospitalità..."
Claudio, Antonella, Daniele